#ONMYBUCKETLIST: FORESTIS

Cari lettori,

oggi finalmente è arrivato il momento di inaugurare #ONMYBUCKETLIST, la nuova rubrica di Wild Heart, Gipsy soul. Avrei voluto farlo già da tempo ma alcuni problemi tecnici (tradotto: un enorme trasloco) me lo hanno impedito, ma oggi finalmente sono con voi per condividere la mia dream list, ovvero tutta una serie di posti da sogno dove una volta nella vita mi piacerebbe andare. Possono essere hotel, paesi, città o luoghi naturali, tutti accumunati dal fatto che, in qualche modo, mi ispirano in modo particolare. Se siete curiosi di sapere di più sul progetto della rubrica, trovate QUI tutte le informazioni del caso. Detto questo, avete tutte le informazioni che vi servono, quindi non ci rimane che iniziare. Pronti, partenza, via!

Copyright ©FORESTIS

Avevo decine di idee sul luogo da trattare per la prima puntata della rubrica, poi mi è capitato di consultare il sito di Small Luxury Hotels per lavoro e l’occhio mi è caduto su un hotel da sogno che già da tempo è entrato dritto nella lista di posti da vedere una volta nella vita. Si tratta del Forestis, una struttura mozzafiato immersa nel bosco e affacciata su una delle catene montuose più belle del mondo, il gruppo delle Odle. Ovviamente ci troviamo in Alto Adige, tra le mie amate Dolomiti, in particolare a Bressanone. A 1.800 metri di altitudine, sul versante meridionale del Plose, si trova questo meraviglioso rifugio e di armonia in cui ritrovare la percezione del tempo e comprendere il valore emozionale della consapevolezza fisica e spirituale di sé stessi. Un luogo naturale, in cu i quattro elementi si fondono con l’arte e l’architettura, dando vita a un posto unico e molto speciale.

Copyright ©FORESTIS

AMBIENTE E CAMERE

Tutto è speciale al Forestis, a partire dall’architettura che si ispira agli elementi naturali, e che si sviluppa sull’antica struttura originale, un sanatorio polmonare. Oggi la tradizione è stata trasformata in innovazione, e il Forestis si presenta con un’incredibile stile minimalista e moderno, realizzato però utilizzando materiali locali e naturali. Come la pietra, dalla quale sgorga l’acqua sorgiva. Il vetro, trasparente come l’aria. I tessuti avvolgenti che riscaldano come i raggi del sole. Il legno che grazie al clima favorevole cresce rigoglioso nel bosco. Grazie all’attenta scelta di ogni dettaglio, l’hotel si fonde con la natura esterna, che rimane la protagonista grazie a una vista che fa commuovere per la tanta bellezza, soprattutto all’alba e al tramonto, quanto le vette si tingono si rosso e di rosa. Di sistemazioni ce ne sono di diverso tipo, ma è la Suite Penthouse il fiore all’occhiello del Forestis: 200 m² dislocati su due piani, con tanto di caminetto, terrazzo e sauna, una piscina a sfioro esterna riscaldata e una vista che fa bene all’anima.

WELLNESS E SPA

Con una location del genere è impossibile non dedicarsi al benessere fisico, oltre che a quello spirituale. A questo aspetto ci pensa la Spa del Forestis, che trae ispirazione dagli elementi naturali e dalla saggezza dei Celti, i quali avevano acquisito molteplici conoscenze in ambito terapeutico proprio tra i boschi e le montagne. Il pino mugo, l’abete rosso, il larice e il pino cembro caratterizzano ogni ambiente della Spa e ogni trattamento proposto, da studiare insieme a una terapista che individuerà le proprie esigenze specifiche. Oppure, ci si può semplicemente rilassare nella piscina indoor e outdoor riempita con acqua della sorgente naturale Plose, ci si può depurare nelle saune o fare una dormita nelle Silent Room, dove immergersi nella quiete più assoluta guardando il bosco dalle vetrate. Da provare anche la Wyda Room, dove vengono svolti esercizi energetici millenari come il wyda, lo yoga dei Celti.

GUSTO E RISTORAZIONE

Negli alimenti si cela l’essenza della vita. Questa è la filosofia che segue il Forestis, con colture in pieno campo, ingredienti raccolti nel bosco e una lavorazione assolutamente naturale. La cucina proposta dall’hotel è fatta di ingredienti puri, che arrivano direttamente dalla natura circostante e dagli agricoltori della zona e che danno vita a piatti dove la tradizione culinaria altoatesina si fonde alla cucina moderna. Il risultato sono delle vere e proprie delizie per il palato creato dallo chef Roland Lamprecht, tutte da gustare nel ristorante che offre l’intimità desiderata e allo stesso tempo una splendida vista sulla vastità dei boschi circostanti e sul tramonto sulle Dolomiti.

Ogni volta che l’occhio mi cade sulle montagne che si vedono dalle vetrate del Forestis mi viene voglia di tele trasportarmi lì, per provare la sensazione di svegliarsi la mattina ammirando quello spettacolo mozzafiato, o di fare una nuotata nella piscina circondata dagli alberi del bosco. Amo questi posti che, pur proponendo un soggiorno di lusso, rispettano l’ambiente, lo accolgono e lo valorizzano, e mi ci vedo troppo seduta in terrazzo, col focolare acceso, a scrivere le mie storie immersa nel silenzio magico che solo le montagne sanno regalare. E voi dopo questo articolo che ne pensate del Forestis, è entrato nella vostra Bucket List? Fatemelo sapere nei commenti qui sotto!

*Si ringraziano Small Luxury Hotels e il Forestis per aver fornito le splendide immagini che accompagnano l’articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...