I consigli di una freelance per lavorare da casa

Oggi non si sente parlare di altro: smart working, la nuova frontiera del lavoro per continuare ad essere produttivi durante questo periodo di reclusione forzata e necessaria. Viene incoraggiata (giustamente) e presentata come una grande novità lavorativa, e questo sinceramente mi fa un po’ ridere: sono più di 4 anni ormai che lavoro come freelance da casa (o da dove mi capita di essere), ma non è mai successo prima di questo periodo di vedere così tanto validato il mio lavoro. Anzi. Tantissime volte – sia da professionisti sia da persone vicine – è stato considerato un passatempo, come un’occupazione temporanea, come un’attività divertente in attesa di trovare un “vero lavoro”. Ci è voluta una pandemia per fare capire a tutti che sì, anche il lavoro freelance è un vero lavoro, che per alcuni tipi di professioni funziona benissimo e che merita dignità e rispetto esattamente come tutti gli altri impieghi. Perché lavorare da casa sembra una cosa fantastica, e lo è la maggior parte del tempo: io adoro avere la libertà di dipendere da me stessa e di essere in grado di poter lavorare da qualsiasi parte del mondo senza problemi. Ma è un tipo di lavoro che nasconde anche tante insidie, e che richiede di imparare a gestirsi per non diventare completamente matti. Oggi voglio condividere con voi alcuni suggerimenti che vengono dalla mia esperienza di lavoratrice freelance, e che mi hanno aiutato tanto a trovare il mio equilibrio per lavorare da casa e vivere bene.

Alzarsi presto e rifare il letto

Lo so, rimanere a letto a dormire fino a tardi è estremamente allettante, ma iniziare a lavorare tardi vorrà dire solamente finire di lavorare molto più tardi, ed è un’abitudine che va evitata perché non dà il giusto ritmo alla giornata. Quindi alzatevi a un’orario che per voi funziona, possibilmente non più tardi delle 8, così avrete tempo di svegliarvi bene, senza fretta e di fare una buona colazione. Inoltre, trovo utilissimo rifare il letto e non lasciarlo sfatto tutto il giorno: questo atto stimola il nostro cervello a considerare chiusa quella parte giornata, e poi avere intorno un ambiente ordinato aiuta a ordinare anche la mente.

Togliere il pigiama e vestirsi

Lo so cosa state pensando tutti: ma non è proprio questo il bello di lavorare da casa, stare in pigiama tutto il giorno? In realtà rimanere con gli indumenti con cui abbiamo dormito tutta la notte non aiuta per niente il nostro cervello a svegliarsi. Il solo atto di vestirsi e sistemarsi i capelli, infatti, riesce ad attivare la mente e a farci sentire più pronti ad affrontare il lavoro, provare per credere. E poi, chi l’ha detto che solo il pigiama può essere comodo? Oggi esistono dei completi di tute bellissimi, pantaloni e magliette coordinati, completi fitness comodi e carini, leggings di ogni tipo, felpe e t-shirt per ogni gusto, tute intere super confortevoli: ogni sito di abbigliamento ha una sezione dedicata agli abiti da casa. Fidatevi, una volta iniziato a comprarli non vi fermerete più!

Organizzare la giornata

Non pianificare la giornata è l’errore più grande che un freelance possa commettere: è molto facile farsi prendere dal relax, dal pensare “ma sì lo faccio più tardi, tanto sono a casa tutto il giorno” e poi trovarsi la sera a non aver combinato niente. Ecco perché è importantissimo settare la mente esattamente come se foste usciti di casa per andare in ufficio. Questa è la cosa più difficile da assimilare nel lavoro da casa, perché le distrazioni sono dietro ogni angolo, ma una volta che si entra nella mentalità giusto tutti diventa più facile. Un’abitudine che ho trovato utile fin da subito è quella di preparare una scaletta del giorno con il lavoro che abbiamo intenzione di svolgere: la To do List è fondamentale, e aiuta tantissimo ad organizzare la giornata senza perdere tempo. Io preferisco farla scritta su un foglio, un planner o un’agenda che tengo davanti a me sulla scrivania, perchè visualizzare passo dopo passo cosa devo fare mi sprona costantemente a raggiungere gli obiettivi che mi sono prefissata durante la giornata.

Stabilire degli orari e rispettarli

Solo perché siamo a casa, non vuol dire che dobbiamo trasformarci in schiavi pronti a rispondere a qualsiasi richiesta h24 e 7 giorni su 7. Stabilire degli orari precisi di lavoro è forse la cosa più importante per lavorare da casa mantenendo intatta la propria sanità mentale. Questo per me, all’inizio, è stato l’aspetto più problematico: tenendo molto a realizzare alla perfezione il lavoro, tendevo a non avere orari nè giorni di pausa, ma mi sono resa conto che questo ritmo non era assolutamente sostenibile. Così mi sono imposta dei paletti, e sono diventata irremovibile nel rispettarli: mi sono data un’orario a cui staccare, proprio come se uscissi dall’ufficio, e mi sono imposta di non lavorare mai la domenica. Spesso cerco di tenere libero anche il sabato, anche se può capitare che lo usi per portare a termine qualche lavoro, ma sulla domenica non transigo. Certo, le eccezioni possono capitare se ci sono delle emergenze o dei lavori particolarmente importanti, ma deve essere l’eccezione, non la regola.

Fare delle pause

Per riuscire ad essere produttivi è importante dare un po’ di pausa al cervello a intervalli regolari, e quindi ritagliarci dei momenti di stacco durante le ore di lavoro. Durante la giornata, quindi, concedetevi dei momenti di pausa: se avete un giardino prendete una boccata d’aria fresca, se avete un cane giocate con lui dieci minuti, fatevi un caffè o una tazza di tè, rispondete a qualche messaggio, leggete un articolo che vi interessa, sentite una canzone, guardate un video. Scoprirete che quei 5/10 minuti di stacco sono una benedizione, e vi aiuteranno a ripartire più concentrati di prima.

Creare uno spazio di lavoro

Lavorare sul divano non è sano, fidatevi. E per quanto sia tentatore, il letto non è un buon posto dove lavorare. Lo so, la tentazione è fortissima, ma se si vuole davvero portare a termine dei lavori da casa è importantissimo creare uno spazio di lavoro vero e proprio, e che sia dedicato solo ed esclusivamente all’attività lavorativa. Non importa se non avete una stanza da trasformare in un ufficio, basta anche solo una scrivania nella camera, nel salotto o in qualsiasi posto funzioni per voi, dove possiate avere tranquillità e dove possiate lasciare tutto il materiale che vi serve per lavorare. Avere un posto fisico dedicato all’ufficio aiuta tanto la produttività, ma aiuta anche a staccare la mente dal lavoro quando è finita la giornata, e a mantenere i vostri luoghi di relax preferiti in casa dedicati solo allo svago e al riposo.

La routine lavorativa è diversa in base al tipo di lavoro, quindi ognuno deve essere libero di trovare cosa funziona meglio per il proprio tipo di vita, ma queste sono abitudini che si adattano a tutti. Posso assicurarvi che sono consigli che riducono moltissimo lo stress del lavorare da casa, aiutandovi a prendere da questa esperienza solo la parte più bella e divertente. Qual è la vostra routine se vi trovate a lavorare da casa? Fatemelo sapere nei commenti qui sotto.

Buon lavoro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...