3 serie Netflix da non perdere

Quando non sono in viaggio con connessioni Internet improbabili, o quando non sono immersa nella preparazione di un giornale, uno dei modi che preferisco per rilassarmi è guardare Serie TV. Che dico, guardare. Sarebbe più corretto dire divorare. Perchè se una serie mi prende è letteralmente finita, mi ci immergo completamente e divento campionessa di binge watching, ma proprio medaglia d’oro Olimpica. Ho sempre avuto una grande passione per le serie a puntate – dai tempi gloriosi di Lost -, mi piace come si abbia il tempo di sviluppare i personaggi a fondo, e come questo permetta di entrare pienamente all’interno della storia. È un bel modo di allontanarsi dalla realtà per qualche ora: infatti, capisco quando una serie è ben fatta se quando termino un episodio continuo a pensarci, e se quando finisco la stagione ci metto almeno una settimana a cominciare qualcos’altro…un po’ come capita con i libri. Le tre serie che vi suggerisco, per motivi diversi, mi hanno suscitato proprio questi sentimenti: sono le ultime che ho guardato (anzi, divorato), mi sono piaciute da morire, e voglio condividerle con voi. Un consiglio: guardartele tutte in lingua originale (Netflix, per fortuna, ha un sistema di sottotitoli eccezionale), perchè le prestazioni degli attori sono così belle che sarebbe un peccato sentirle doppiate.

ANNE WITH AN “E”

TRAMA
Tratto dai famosi libri di Lucy Maud Montgomery, è la storia della piccola Anna, un’orfana dai capelli rossi dalla sconfinata immaginazione, che viene mandata per errore a vivere a Green Gables insieme agli anziani fratelli Marilla e Matthew Cuthbert. Qui la piccola, scatenata Anna crescerà, portando scompiglio e creando qualche pasticcio, ma anche colorando la vita del piccolo paese con amore, passione e fantasia.

PERCHÈ VEDERLO
La serie presenta un interessante approccio moderno alle vicende che tanto sono care a chi ha letto il libro di quella che in Italia è diventata famosa come Anna dai capelli rossi. Nonostante spesso gli episodi si aggiungano o si allontanino dal percorso originale della storia della Montgomery introducendo argomenti molto più moderni (soprattutto nella seconda stagione), queste aggiunte non risultato troppo fastidiose, sembrano anzi quasi un approfondimento della vita e delle avventure di Anna. Proprio l’interpretazione di Amybeth McNulty è una delle ragione principali per cui la serie merita di essere vista: attraverso la giovane attrice Anna diventa viva e reale, con tutto il suo carattere focoso e capriccioso, ma anche con tutta la magia della sua fantasia, che l’ha salvata spesso da situazioni orribili. La sua interpretazione è carica, colorata, intensa e non può non commuovere: alla fine Anna sembrerà una vostra amica, non solo il personaggio di un libro. Bellissime anche le ambientazioni – la maggior parte delle scene sono girate realmente sulla canadese Isola del Principe Edoardo, teatro della vicenda -, i costumi e le ricostruzioni storiche, che aiutano ad immergersi perfettamente nel mondo della famiglia Cuthbert.

Stagione 1: 7 episodi
Stagione 2: 10 episodi
Dove vederla: Netflix

THE HAUNTING OF HILL HOUSE

TRAMA
Non è facile raccontare Hill House evitando il mostro dello spoiler, perchè in questa preziosa serie niente è lasciato al caso e ogni piccolo dettaglio servirà alla fine per risolvere la misteriosa vicenda. Cercando di semplificare il più possibile, la storia inizia alla fine degli anni ’80 quando la famiglia Crain – mamma, papà e i loro cinque bambini – si trasferisco ad Hill House per ristrutturarla, e passarci così tutta l’estate. La permanenza della famiglia non sarà però duratura, perché si vedrà costretta a fuggire lasciandosi alle spalle momenti di terrore e una tragedia che sconvolgerà le loro vite per sempre. Gli episodi si districano tra la narrazione di quell’estate e il momento presente, quando ormai ciascun componente della famiglia ha imboccato la propria strada. Vite ormai indipendenti e isolate vengono sconvolte e riunite da una rinnovata tragedia, che li costringerà ad affrontare gli incubi legati a quell’estate a Hill House.

PERCHÈ VEDERLO
Questa serie rappresenta in modo sublime il tipo di horror che piace a me: non quello che va tanto di moda oggi, che cerca lo spavento facile esagerando e diventando così poco credibile che non terrorizza nessuno. Ma quell’horror atipico alla The Others, il cui terrore sta più nella costruzione della tensione che in veri e propri momenti di spavento. Non vuole fare paura a tutti i costi, anzi, sembrerebbe quasi che il suo scopo non sia spaventare, ma raccontare di una famiglia, dei suoi drammi, delle relazioni, delle personalità. E infatti è impossibile non affezionarsi ai ragazzi Crain, non rivedersi nelle loro debolezze, nelle loro paure, nelle loro vite incasinate. Hill House ti tiene incollato allo schermo dalla prima all’ultima puntata, grazie ad una storia scritta in modo molto intelligente e grazie a una regia sublime, che incanta con la sua attenzione per i dettagli, con i suoi tagli studiati o con i suoi “non tagli”: anche se non capite particolarmente di tecniche cinematografiche, godetevi il sesto episodio in tutta la sua magnificenza, con un uso dei piani sequenza a dir poco magistrale.

Stagione 1: 10 episodi
Dove vederla: Netflix

THE UMBRELLA ACADEMY

TRAMA
Tratta dall’omonimo fumetto di Gerard Way e Gabriel Ba, è un’avvincente, ironica e superlativa serie dedicata a una disfunzionale famiglia di supereroi, tutti problematici, ognuno a proprio modo ferito nell’intimo. Dinamiche e relazioni sono centro dello sviluppo narrativo, capace di toccare vette introspettive lodevoli e miscelare con intelligenza generi e toni, in un cocktail dal gustoso sapore pop. L’azione non manca, ma nemmeno una vena di humor mai scontato, momenti teneri mai banali e sorprese che fanno saltare dalla sedia. Il tutto, condito da un fenomenale utilizzo di canzoni magnifiche.

PERCHÈ VEDERLO
Avete presente tutto quello che conoscete sui film/serie tv dedicate ai supereroi? Ecco, dimenticativelo. Perchè anche se l’Umbrella Academy potrebbe ricordavi gli X Men ad un primo impatto – a cui rende omaggio in alcuni aspetti, ma senza mai diventarne la copia -, in realtà i ragazzi Hargreeves sono completamente fuori dagli schemi. La cosa che piace, tanto, è che in realtà si tratta di un vero e proprio dramma familiare, con protagonisti ragazzi che cercano il loro posto nel mondo. Ogni singolo personaggio trova il suo spazio e la sua caratterizzazione, ed è facile finire per volergli bene mentre scopriamo le loro vicende, mentre gli showrunners intrecciano passato, presente e futuro in modo intelligente, mescolando il tutto con un taglio di regia fresco e moderno che rende alcune scene bellissime, toccanti e memorabili. Anche se pensate di non amare il genere supereroi fatevi un favore e dategli una chance: non vi deluderà!

Stagione 1: 10 episodi
Dove vederla: Netflix

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...