Never Stop Exploring

 

 

Tantissime volte, nel corso della mia vita, mi sono sentita dire “Beata te che viaggi tanto!” oppure “Ma sei sempre in giro?”.
Io non so mai bene cosa dire (che poi lo sapete, le risposte migliori vengono in mente sempre dopo), rispondo con un sorriso e una battuta (“Mai quanto vorrei!), però poi ci rifletto sulle cose, perchè io penso tanto, spesso anche troppo, e credo che sia giunto il momento di sedermi e rispondere a queste domande.

Io ho sempre viaggiato tantissimo.
Ho avuto fin da piccola la fortuna di avere una famiglia di viaggiatori e avventurieri incalliti, che a bordo di macchine stracariche o camper (ancora più carichi), mi hanno portato ovunque e fatto fare qualsiasi cosa. L’amore per i viaggi ce l’ho, si può dire, nel sangue, ed ho innato questa voglia di scoprire, di vedere il mondo, di andare, andare, andare.
Però non serve nascere in una famiglia di giramondo, perchè questo senso di scoperta è dentro ogni essere umano, sì anche dentro di te che pensi di essere troppo pigro, troppo inadatto, troppo poco corraggioso o troppo poco avventuroso: io lo so che c’è, e se ti guardi dentro lo sai anche tu.
Non ti sei mai sentito intrappolato in una realtà che ti sta stretta?
Non hai mai sentito l’istinto improvviso di uscire di casa e andare in giro da qualche parte, qualsiasi parte?
Non hai mai guardato una foto, un video, letto un articolo, un libro, sentito una canzone che ti abbiano fatto venire voglia di alzarti e scoprire il mondo?

DSC_0061

A me succede, e succede spesso (diciamo anche sempre).
E ho preso una decisione: di farlo.
Voglio andare in giro e vedere nuove realtà, vedere davanti agli occhi nuovi posti che mi conquistano l’anima, voglio farmi ispirare e nutrirmi di più luoghi possibile.
E guardate che non è che non sono prigra, anzi! Io sono proprio un orsa, non mi piace fare le classiche uscite “da bar”, preferisco starmene in pantofole davanti ad un camino con un libro e una tazza di tè.
Ma quell’istinto dentro di noi, quello che ha portato l’uomo in cima all’Everest o nel fondo dell’oceano, quell’istinto ci tiene vivi. Quell’istinto ci apre la mente. Quell’istinto ci arricchisce in modi insospettabili e ci fa crescere, ma per davvero.
Tutto quello che incontrerete sul vostro cammino vi farà crescere, vi scalderà il cuore.
Nella mia ultima esplorazione a Rocca Calascio, per dire, ho incontrato persone adorabili, perfetti sconosciuti che hanno incrociato la mia strada, con cui ci siamo dati consigli, sorrisi, qualche battuta e un buon viaggio augurato di cuore.
Queste cose sono importanti, ci fanno capire che nel mondo c’è del buono, c’è del bello, che le persone sanno ancora essere pure, gentili e generose senza un secondo fine.

E guardate che non parlo di andare in qualche meta esotica: non è che dovete per forza andare in India, Perù o Giappone per viaggiare. Vi basta una macchina, e un compagno di viaggio, e il mondo è vostro. Siamo circondati da una quantità di meraviglie ad un passo dalla nostra porta di casa che non ne avete idea: il mio canale Youtube mi ha portato a scoprire incredibili posti a due ore da casa mia che mai mi ero sognata potessero esistere se non in paesi lontani.
Certo, i posti lontani attirano, affascinano, e io stessa ne ho una lista da voler visitare pressochè infinita e che comprende una buona dei paesi conosciuti sulla faccia della Terra.
Ma cosa volete, che aspettiamo di vincere alla lotteria o di un qualche colpo di fortuna, o di lavorare dieci anni per poterci spostare da qualche parte?
No ragazzi, cogliete l’attimo, non rimandate.
Potete farlo anche ora, potete farlo con poche risorse: basta solo la volontà.

Io ho scelto di non lasciarmi trascinare dalla routine, di non farmi schiacciare dalla vita, ma di viverla appieno, e fidatevi della parola di questa ragazza come voi, viaggiare vi fa vivere.
Ho scelto di farlo anche se non ho un euro, anche se costa fatica e sacrifici (si perchè i viaggi sono pieni di imprevisti, e questo ve lo dovete mettere in testa), anche se non posso farlo quanto vorrei: vi posso assicurare che la sensazione di pace alla fine di una giornata passanda scoprendo posti nuovi vi ripaga di tutto.

DSC_0570

 CONSIGLI DI UNA VIAGGIATRICE

Non serve avere tanti soldi per viaggiare!
Si va bene, per i grandi viaggi è chiaro che un po’ ne servono, e certo anche girare nelle vostre zone non è gratis, ma basta organizzarsi (e un minimo adattarsi) per poterlo fare anche se non si è Bill Gates. Qualche piccolo trucco che io uso (essendo una squattrinata giornalista DSC_0276freelance non retribuita):

  • Andate insieme a qualcuno, sia per il piacere della compagnia, sia perchè insieme potete dividervi le spese (come di gas/benzina), autostrada e spese di viaggio.
  • Portate il pranzo da casa! Un panino va benissimo, ma se non vi fanno impazzire basta un portapranzo e potete portarvi dietro tutto quello che volete: io e la mia famiglia andiamo in giro addirittura con thermos pieni di caffè e tè, e abbiamo allegramente banchettato ovunque, recentemente seduti sulle rovine centenarie di Rocca Calascio!
  • Raggruppate più mete in un giorno solo. Cercate intorno alla meta principale che volete visitare qualche altra zona che possa interessarvi, così in un solo viaggio potrete vedrete di più e non servirà tornare di nuovo (a meno che il posto non vi abbia stregato!).

 

Scegliete con cura i compagni di viaggio

Esplorare è bello, e lo è ancora di più se lo fate con le persone giuste.
Trovate persone che condividano il vostro spirito, la vostra voglia di stare fuori dalla mattina presto alla sera tardi, che sappiano adattarsi e che soprattutto sappiano divertirsi, perchè la DSC_0193.JPGgiornata on the road è ancora più bella se arricchita di sorrisi.
Io viaggio sempre con mia mamma, mio papà, mio fratello e il mio ragazzo (che sono anche i miei migliori amici): loro sono le persone con cui sto meglio al mondo, loro sono come me e sono i compagni di viaggi più divertenti e adorabili che si possano desiderare.
Qualche volta vado in giro con amici speciali, quelli che so possono apprezzare e capire il valore del viaggio, ma se pensate di non avere questo tipo di persone intorno non preoccupatevi: prendete un po’ di coraggio e fatevi un giretto da soli, stare ogni tanto con voi stessi non è poi cosi male!

 

Cercate, cercate, cercate!
In questo caso la tecnologia è davvero la nostra migliore amica: si può trovare qualsiasi meta, quindi scatenatevi sulla rete e cercate ispirazione! Non sapete da che parte cominciare? Vi aiuto io!

  • Google: fonte pressochè infinita di informazione, la barra delle ricerche di Google è la vostra migliore amica. Scrivete parole chiave riguardanti quello che volete cercare e il nome della vostra regione o di quelle limitrofe a voi (io di solito scrivo cose tipo “lazio nascosto”, “castelli abruzzo”, “lazio medioevo”, ecc.): sarete stupefatti dai luoghi che scoprirete di cui non sospettavate minimamente l’esistenza.
  • Libri: per chi ama ancora la vecchia carta stampata come la sottoscritta, esistono centinaia di libri che possono essere fonte di ispirazione. Fatevi un bel giro in biblioteca o in libreria nella sezione viaggi, cercate libri sulla vostra zona: ci sono cosi tanti posti meravigliosi racchiusi tra le pagine che sicuramente non potrete non esserne ispirati!

DSC_0198

Che ne dite, vi ho convinto?
Spero di si, spero che un po’ le mie parole vi abbiano aiutato, o abbiano raccontato un sentimento che sentite anche voi, ma a cui magari non sapevate come dare sfogo: a volte serve solo un po’ di incoraggiamento, anche solo le parole di una sconosciuta dietro a un blog.

Vi chiederete quale sia la risposta alla famosa domanda iniziale:
“Possibile che sei sempre in giro?” Si, eccome se è possibile. Sono in giro ogni volta che posso, e dovresti farlo anche tu per sentirti libero.
“Beata te che viaggi tanto!” Si, mi sposto molto. Ma puoi farlo anche tu! Trova la voglia, il coraggio, lo stimolo e fallo. Spesso idealizziamo o ci fermiamo a guardare le vite degli altri come spettatori, pensando che sono irragiungibili o lontanissime da noi, ma non è cosi, davvero non lo è. La nostra vita può essere meravigliosa, dipende solo da noi renderla tale.

Quindi se sentite il desiderio di vedere posti, scoprire luoghi, girare, esplorare armatevi di cartina, salite in macchina e affrontate la strada: non sarete più gli stessi quando tornerete.

DSC_0187

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...